Da Venezia a d'Annunzio

Al primo piano negli spazi della chiesa di Santa Giustina il percorso illustra attraverso 9 protagonisti delle vicende salodiane, alcuni dei caratteri e dei momenti fondamentali della storia cittadina, dall'Umanesimo di Iacopo Bonfadio al contributo determinante per la storia e il mito della liuteria di Gasparo Bertolotti, fino ai grandi scienziati salodiani e al tragico epilogo di Mussolini e della RSI.

Nelle adiacenti sale del collegio attraverso le opere d’arte trova illustrazione il primato politico e culturale conquistato da Salò all'interno della Comunità di Riviera (l'autonomia locale costituitasi nel Medioevo sulla sponda occidentale del Garda) e lo splendore dei secoli del dominio veneziano.

Al secondo piano oggetti, documenti e opere d'arte narrano il travagliato periodo seguito alla caduta di Venezia, segnato dalle lotte risorgimentali e dalla necessità di reinventare l'identità della città privata degli antichi privilegi, fino alla nascita del turismo e al Novecento segnato dalla presenza di Gabriele d'Annunzio.

La Repubblica di Salò

Le tragiche vicende della RSI sono evocate attraverso un percorso multimediale che attraverso pannelli, video, infografiche, consente al visitatore di cogliere la realtà degli Italiani dopo l'8 settembre. Se i dati storici sono fissati nella tragicità degli eventi e delle cifre dai pannelli, i filmati consentono di leggere le vicende dal doppio, contrapposto punto di vista di chi, all'arrivo della cartolina di precetto dopo l'8 settembre, entrò nell'esercito della RSI e di chi invece diventò partigiano. Al visitatore la possibilità di scegliere di volta in volta quale racconto ascoltare.
La narrazione - curata dal prof. Roberto Chiarini - è volutamente priva di testimonianze materiali per concentrare l'attenzione sul duplice registro dei dati storici e della scelta individuale. Punto centrale del percorso è il racconto di quattro testimoni del tempo, protagonisti sui due fronti opposti di una guerra che ha lacerato l'Italia ben oltre la soglia del 25 aprile 1945. 

Post a comment

Sito realizzato da Nida’s a seguito di un accordo di sponsorizzazione